Novità nel settore

Wepadel24 è diventata socia del primo Consorzio Padel in Italia che punta alla creazione di una normativa da seguire per realizzare campi da padel in regola con le normative di sicurezza, per garantire l’incolumità dei giocatori e la resistenza del campo contro le intemperie

Sono ancora molti gli infortuni che avvengono sul campo a causa di strutture non sicure, progettate senza un’accurata attenzione verso la qualità delle componenti e mirate al semplice ritorno economico. Se vogliamo rendere il padel uno sport di livello olimpico, bisogna eliminare queste “falle” nel sistema e fare in modo che tutte le aziende produttrici, i centri sportivi e i giocatori conoscano i rischi a cui vanno incontro e le soluzioni per ridurre questi rischi al minimo.


I numeri del padel

Ha successo perchè è semplice e diretto

Il padel ha spopolato enormemente negli ultimi tre-quattro anni e si stima che entro la fine di quest’anno si raggiungerà il milione di praticanti: 5 volte il numero di praticanti del 2019. Una crescita esponenziale, che ha stupito veramente tutti. Il giro di affari intorno a questo gioco denominato “il fratello povero del tennis” è di 693 milioni, con un aumento di +805% rispetto al 2019.

 

i numeri del padel | WePadel24

 

Il padel è un gioco diretto, facile da imparare e adatto a tutti, dai più piccoli ai più grandi, dai meno allenati agli sportivi professionisti. Questa adattabilità è stata l’arma vincente di questo sport e continuerà a portare sempre più persone vicino a questa disciplina. La crescita del padel è stata anche influenzata, indirettamente, da un altro sport, sono infatti tantissimi i calciatori ed ex calciatori che si sono armati di racchetta e hanno iniziato a spadellare: da Francesco Totti a Bobo Vieri, da Gigi di Biagio a Vincent Candela.

Tutti loro sono rimasti affascinati dalla facilità con cui si poteva imparare a giocare a padel e soprattutto dal divertimento che stimolava. Possiamo dirlo: il padel è lo sport del momento e bisogna cavalcare l’onda mentre è ancora in crescita, si stima che nei prossimi anni il giro di affari potrebbe raggiungere l’ 1,4 miliardi all’anno.


Federazione Italiana Tennis e Padel

Domenica 16 ottobre 2022 è la giornata che tutti gli appassionati del padel ricorderanno con soddisfazione. Durante l’assemblea tenutasi a Firenze è stata approvata la delibera che ha cambiato lo statuto e il nome della FIT (Federazione Italiana Tennis), con l’aggiunta del nuovissimo Padel, dandogli pari dignità.

“Inizia una nuova era. La proposta approvata oggi non è una semplice modifica cosmetica ma significa visualizzare in maniera chiara un mutamento epocale già in atto: infatti, la nuova denominazione rappresenta un segnale forte di riconoscimento della travolgente crescita del padel, frutto dell’entusiasmo di chi lo gioca e delle società sportive che lo gestiscono e lo promuovono” — Angelo Biraghi

I numeri

Oggi il padel ha oltre ottocentomila praticanti, con un bacino potenziale che supera i 2 milioni, mentre la Federazione conta quasi 70 mila tesserati, tra agonisti e non.

Ma soprattutto questo sport ha una potenzialità enorme, in particolare tra i giovani, con un coefficiente di crescita stimato tra il 20% e i 25% annuo, numeri che lo portano al pari della disciplina del tennis. Diventa perciò doveroso dare piena dignità al padel come sport all’interno dell’Organizzazione.

Questa modifica non andrà in nessun modo ad influenzare il ruolo della Federazione nel tennis, ma unicamente ad inglobare uno sport con cui il tennis condivide molti aspetti.